Utente: Anonymous

Ferie

Il lavoratore, secondo il CCNL, ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie per ogni anno di servizio presso lo stesso datore di lavoro, indipendentemente dalla durata dell'orario (a ore, a tempo pieno, con o senza convivenza). Il periodo di ferie può essere usufruito, salvo diverso accordo tra le parti, nel periodo tra Giugno e Settembre. Il lavoratore che è assunto da meno di 12 mesi spettano tanti dodicesimi di 26 per quanti sono i mesi lavorati (si considera mese intero la frazione pari o superiore a 15 giorni di calendario).
Esempio dopo 6 mesi di servizio spettano (26 / 12) x 6 = 13 giorni di ferie

Calcolo del numero di ore da retribuire per ogni giorno di ferie maturato
Lavoratore ad ore:
Ho trovato due metodi differenti per il calcolo delle ferie:

I° METODO (media delle ore lavorate in un mese)
Vedi articolo in http://www.webcolf.com
Nel caso di lavoratori pagati ad ore, per ottenere il numero di ore pari a un giorno di ferie occorre fare riferimento al numero di ore medie lavorate in un mese e dividerle per 26. Questo importo dovrà essere moltiplicato per la retribuzione oraria di base (non quella effettiva) convenuta per determinare la retribuzione di ogni giorno di ferie.

Il numero di ore da pagare per ogni giorno di ferie maturato è dato da:
numero_ore = numero_ore_settimana x 52 / 12 / 26

Esempio:
numero di ore lavorate a settimana 15
numero_ore_per_ogni giorno_di _ferie = 15 x 52 / 12 / 26 = 2.5 ore
Quindi per ogni giorno di ferie al lavoratore spettano 2.5 ore pagate

Valore delle ferie:
Se la retribuzione oraria di base è di 8.00 € allora ogni giorno di ferie il lavoratore percepisce
2.5 x 8 = 20 €
Per i 26 giorni di ferie il lavoratore percepisce 26 x 20 = 520 €
e se il lavoratore fosse stato assunto da 6 mesi 26 x 20 x 6\12 = 310 €

II° METODO (ore lavorate nel mese precedente)
Vedi articoli in:http://www.inps.it, http://www.stranieriinitalia.it

Nel caso di lavoratori pagati ad ore, per ottenere il numero di ore pari a un giorno di ferie occorre fare riferimento al numero di ore effettuate nel mese precedente e dividerle per 26. Questo importo dovrà essere moltiplicato per la retribuzione oraria convenuta per determinare la retribuzione di ogni giorno di ferie.
La formula per calcolare il numero di ore da pagare per ogni giorno di ferie è:
Il numero di ore da pagare per ogni giorno di ferie maturato è dato da:
numero_ore_mese_precedente / 26

Esempio:
Nel mese precedente le ferie, sono state lavorate 15x4 = 60 ore (15 ore settimana x 4 settimane)
Quindi il numero di ore da retribuire è dato da:
60 / 26 = 2.3076
Se la paga oraria è di 8.00 € allora per ogni giorno di ferie il lavoratore deve percepire:
2.3076 x 8 = 18.46 €
Per i 26 giorni di ferie il lavoratore percepisce 26 x 18.46=479.98 €
e se il lavoratore fosse stato assunto da 6 mesi 26 x 18.46 x 6\12 = 239.99 €

Quindi i due metodi portano ad un risultato leggermente differente.

Si devono pagare i contributi?
Durante il periodo di ferie il datore di lavoro è tenuto, altresì, al versamento dei contributi, con le solite modalità. Infatti le giornate di ferie, ai fini del pagamento dei contributi, sono considerate come se il lavoratore fosse stato presente.

E se la colf continua a lavorare nonostante le ferie?
Se durante il mese di ferie la colf continua ugualmente a lavorare per la famiglia che, non potendo chiudere casa per andare in vacanza, continua ad avere bisogno dell'aiuto domestico, scatta l'obbligo di pagare due stipendi: uno per il lavoro svolto, il secondo a titolo di indennità sostitutiva delle ferie non godute. Unico vantaggio: i contributi Inps continuano a essere chiesti sul solo stipendio e quindi non raddoppiano

Nel caso in cui un

Nel caso in cui un lavoratore domestico lavori nel periodo destinato alle ferie non prende una doppia retribuzione ma il suo diritto al riposo viene rimandato in data da concordare. La legge prevede comunque la fruizione di almeno 2 settimane di ferie nell'anno e le altre due entro 18 mesi!